Vai a sottomenu e altri contenuti

Verbale 1° incontro pubblico di animazione territoriale per la costituzione del Distretto Rurale Nuorese

Data pubblicazione on line: 20/01/2023

Il giorno 19 gennaio 2023 alle ore 17:30, in presenza presso la sala riunioni della struttura EXME' del Comune di Nuoro e in video conferenza tramite la piattaforma zoom, si è tenuto il primo incontro di animazione territoriale finalizzato alla costituzione del Distretto Rurale del Nuorese.

L'incontro è stato convocato attraverso avviso pubblico sui siti web istituzionali dei seguenti Comuni: Nuoro, Fonni, Mamoiada, Oliena, Orani, Orgosolo, Orotelli, Comunità Montana del Nuorese, e pubblicizzato su social media e quotidiani locali.

Il medesimo è finalizzato alla condivisione del percorso da seguire, all'evidenziazione delle specificità locali da valorizzare, alla stipula e condivisione delle regole del focus ed alla presentazione degli strumenti e risorse a disposizione.

Sono presenti in presenza e in videoconferenza amministratori locali, imprese rappresentative dei diversi settori, associazioni, associazioni di categoria, consulenti liberi e professionisti.

Sebastiano Congiu, Sindaco di Oliena e Presidente pro tempore della Comunità Montana del Nuorese, in rappresentanza del soggetto promotore saluta gli intervenuti, si dichiara favorevole all'iniziativa e traccia una breve storia del percorso sino ad ora seguito, ponendo in evidenza la necessità di velocizzare i tempi tecnici di realizzazione. Rimarca l'importanza dell'operare in stretto legame tra imprese e istituzioni ed intravede nel distretto uno strumento utile a favorire il consolidamento delle reti fra gli operatori, promuovere lo sviluppo locale e cogliere le opportunità finanziarie insite nei Bandi sui Contratti di filiera e di distretto.

Andrea Soddu, Sindaco di Nuoro, saluta gli intervenuti, si dichiara anch'esso favorevole all'iniziativa ritenendola utile strumento di sviluppo e salvaguardia del territorio oltre che strumento di rivalsa socioeconomica e giustizia sociale.

Giovanni Pirisi, Segretario Generale della Camera di Commercio di Nuoro saluta i presenti anche a nome del Presidente, si dichiara favorevole al progetto rimarcando l'importanza dello strumento di sviluppo ed auspica al nascente distretto un percorso proficuo.

Maria Giuseppina Cireddu, Assessorato Agricoltura RAS Direttore del Servizio di Sviluppo dei Territori e delle comunità rurali con l'ausilio di una presentazione PPT presenta la governance del processo di costituzione e riconoscimento del distretto, i compiti dell'Assessorato dell'Agricoltura regionale e quelli dell'Agenzia Laore Sardegna.

Procede poi ad illustrare la normativa di riferimento e le fonti di finanziamento dei distretti rurali, evidenziando l'Art 13 del DLvo 228/2001 inerente alla definizione dei Distretti del cibo, i contenuti della L.R. n° 16/2014 (art. 25 e 36) che istituiscono e disciplinano i distretti rurali, di quelli agroalimentari di qualità, dei biodistretti e dei distretti della pesca e dell'acquacoltura d qualità.

Cita inoltre la deliberazione della G.R n° 11/8 del 11 marzo 2020 che definisce le direttive di attuazione e l'Atto di indirizzo contenuto nel decreto Assessorato Agricoltura e Riforma Agropastorale n° 946DecA17 del 25.03.2021.

Si sofferma sulla definizione e su quelle che sono le finalità del Distretto rurale chiarendo il ruolo delle regioni e delle istituzioni ai vari livelli.

Presenta le forme giuridiche possibili e rimarca gli elementi su cui deve poter contare un distretto (le persone, la cultura e le tradizioni locali, il fattore tempo, le istituzioni e le politiche pubbliche).

Evidenzia gli obiettivi specifici del distretto e il procedimento da seguire per la costituzione ed il riconoscimento.

Chiude il suo intervento illustrando gli organi del distretto, rimarcando la necessità di un regolamento utile alla definizione delle regole interne e l'importanza di un piano di distretto coerente con le esigenze del territorio, aggiungendo inoltre che non esistono fonti di finanziamento utili a far fronte alle spese di costituzione e che il prossimo PSR potrà integrare risorse per il finanziamento di apposite misure sulla governance degli ambiti rurali.

Ciriaco Loddo, funzionario Agenzia Laore Sardegna presenta le tappe del percorso per il riconoscimento evidenziando le competenze in capo all'Agenzia Laore ed alle collaborazioni con l'Assessorato Agricoltura e con il soggetto promotore, procede poi alla definizione di distretto quale strumento organizzativo di ideazione e attuazione di un progetto di sviluppo locale che valorizzi le specificità locali con la partecipazione attiva dei portatori di interesse (imprese agricole e artigianali, della trasformazione, logistica, distribuzione, commercializzazione, del sistema ricettivo turistico e della ristorazione, della società civile organizzata e il sistema istituzionale locale).

Prosegue rimarcando i requisiti per la individuazione, gli elementi caratterizzanti del sistema produttivo locale e l'ambito geografico di intervento.

Riepiloga le attività da svolgere negli incontri di animazione al fine di predisporre il fascicolo da allegare all'istanza di riconoscimento del distretto quali:

  • l'individuazione del territorio, analisi di contesto e analisi SWOT;
  • l'individuazione dei portatori di interesse (soggetti partecipanti, soggetti da coinvolgere, organizzazione dei portatori di interesse);
  • la definizione degli obiettivi (analisi dei problemi, albero dei problemi, albero degli obiettivi);
  • la definizione e condivisione della strategia che sarà contenuta all'interno del piano di distretto;
  • la definizione dell'organizzazione e della governance (organizzazione dei portatori di interesse, statuto e regolamento);
  • la redazione di un report per ogni incontro di animazione che riporta le modalità di convocazione delle riunioni, gli argomenti discussi e le decisioni assunte. Il verbale dovrà essere pubblicato sui siti web istituzionali del comitato promotore.
  • Precisa che nel prossimo incontro dedicato all'individuazione delle specificità locali oggetto di valorizzazione e all'analisi dei portatori di interesse dovranno essere rappresentati tutti settori d'appartenenza.

Propone all'assemblea la definizione del luogo e data del prossimo incontro, l'assemblea approva la proposta di realizzazione del secondo incontro ad Orgosolo in data 26 gennaio alle ore 18.00.

Altra proposta è quella relativa alla durata di ogni singola riunione ed al tempo massimo di ogni intervento da parte dei richiedenti parola, l'assemblea si accorda sulla durata massima di due (2) ore per ogni singolo focus e su cinque (5) minuti quale tempo massimo di intervento.

Chiede ai partecipanti di prendere parola per evidenziare quali siano le specificità da valorizzare, intervengono:

  • Giampaolo Dui, noleggiatore NCC e presidente della rete noleggiatori NCC della Sardegna Turismo (Re.N.Sar.T), ponendo all'attenzione dei presenti l'esistenza di tale rete che opera su scala regionale offrendo un importante servizio di trasporto, si dichiara favorevole al progetto e disponibile alla collaborazione.
  • Cristoforo Coccollone, orticoltore di montagna, presidente del Consorzio Frutti del Gennargentu, presenta sinteticamente l'attività della rete dei produttori e le esperienze di coltivazione e vendita recentemente realizzate, condivide la filosofia di sviluppo del distretto e si dichiara disponibile ed interessato a partecipare.
  • Graziano Pau, partecipante in duplice veste quale presidente del Collegio provinciale dei periti agrari e presidente della cooperativa olivicoltori di Oliena, rimarca l'interesse alla partecipazione al progetto da parte di ambo gli ambiti rappresentati e sollecita un iter rapido di costituzione del distretto al fine di poter cogliere le opportunità finanziarie contenute nei bandi pubblici.
  • Ditta Masini, chiede l'inserimento del settore turismo extralberghiero tra quelli da valorizzare;
  • Nicola Corria, amministratore Cantine di Orgosolo, richiama l'attenzione sulla necessità di un approccio sistemico ed evidenzia quale risorsa preziosa la rete di collaborazioni tra operatori già esistente nel territorio, dichiarandosi favorevole al progetto distretto.

A seguito di vari interventi da parte dei presenti, risultano da valorizzare i seguenti settori produttivi:

  • Specificità da considerare
  • servizi di trasporti (turismo)
  • agricoltura di montagna (ortofrutta)
  • filiera olivicola e olive da mensa
  • filiera casearia
  • filiera apistica
  • filiera della carne
  • filiera vitivinicola
  • filiera mandorlicola
  • prodotti da forno (pane e dolci)
  • liquori e spiriti
  • paesaggio rurale
  • alberghiero
  • extralberghiero
  • artigianato tessile
  • birre
  • turismo archeologico
  • dolci
  • turismo sostenibile
  • ristorazione
  • aziende agricole multifunzionali (agriturismi, fattorie didattiche e sociali)

Sebastiano Congiu, chiude l'incontro ricordando il prossimo appuntamento del 26 gennaio ad Orgosolo.

L'assemblea si chiude alle ore 19.30.

Verbale redatto e sottoscritto dai tecnici dell'Agenzia Laore Sardegna

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Verbale 1° incontro Distretto Rurale Nuorese Formato pdf 159 kb

A chi rivolgersi

A chi rivolgersi - Referente
Ufficio/Organo: Presidente
Referente: Sebastiano Congiu
Indirizzo: via Basilicata 6 Nuoro
Telefono: 0784255462  
Fax: -
Email:
Email certificata:
Scheda ufficio: Vai all'ufficio
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto